Close

CHIRURGIA REFRATTIVA

L a PRK è una tecnica di superficie in cui l’epitelio, lo strato di cellule che riveste la cornea viene rimosso prima del trattamento laser che si effettua sulla parte interna della cornea (stroma corneale).L’epitelio riscresce e ricopre l’abrasione corneale in 3-4 giorni (un po’ come la pelle per il nostro corpo) durante i quali la cornea viene protetta da una lente a contatto terapeutica. L’intervento di PRK dura pochi minuti tra disepitelizzazione e laser, l’anestesia è locale con colliri anestetici ed è generalmenete indolore i fastidi più comuni sono successivi all’intervento (prime 24/48 ore) rappresentati da lacrimazione bruciore e sensazione di corpo estraneo.

La Lasik si differenzia dalla PRK in quanto il trattamento con il laser ad eccimeri in questo caso non avviene sulla superficie corneale ma all’interno dello stroma corneale. Una lama chirurgica chiamata microcheratomo crea un sottile lembo (flap) nella cornea e successivamente il laser ad eccimeri modella il tessuto corneale sottostante per correggere il vizio refrattivo. Il lembo viene poi posizionato e si fa aderire sull’area trattata in pochi minuti senza bisogno di suture. I tempi di recupero post intervento ed i fastidi post operatori sono inferiori alla PRK . E’ in genere indicata per medie miopie, elevate ipermetropie ed astigmatismi ipermetropici. E’ sempre compito del medico oculista valutare la tecnica più adatta per ogni paziente.

 

I- LASIK

Sfrutta una nuova tecnologia nel campo dei trapianti di cornea lamellari e della chirurgia refrattiva. Questo modernissimo laser (laser femtosecondi  che utilizza una luce infrarossi) consente di tagliare lamelle di tessuto corneale (grazie alla formazione di microbolle di acqua e di gas) della forma, del diametro e dello spessore desiderati a profondità programmabili da un softtware sofisticato ed eliminando l’uso del bisturi e delle lame metalliche.

L’intralase consente di eseguire lembi corneali con una precisione che non si può ottenere con il microcheratomo meccanico e soprattutto permette di creare un lembo corneale omogeneo e perfetto in tutte le sue parti con un più rapido recupero visivo.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *